logo

I REPERTI

LOVERE - NECROPOLI ROMANA

25 Gen 2021

Boccale monoansato

Dai corredi della necropoli di Lovere provengono numerosi frammenti riconducibili alla forma del boccale monoansato caratterizzato da una depressione funzionale in prossimità dell’ansa. Erano manufatti ceramici adatti alla mensa e all’offerta e verosimilmente venivano usati durante le cerimonie libatorie. Il tipo deriva da precedenti boccali dell’età del Ferro; la forma evolve tra il I secolo a.C. e la metà del II secolo d.C. nel boccale tipo Lovere, contraddistinto da una forma troncoconica, con ampia spalla arrotondata e fondo piatto, dalla […]

20 Lug 2020

Lucerna conformata ad elmo gladiatorio

Le lucerne a canale (firmalampen) si diffondono in Italia settentrionale dalla metà del I secolo d.C. e sono contraddistinte dall’apposizione sul fondo del bollo del fabbricante. Tali manufatti, di uso quotidiano, spesso si rinvengono all’interno delle sepolture con la valenza simbolica di illuminare il cammino del defunto nell’aldilà. La lampada ad olio rinvenuta nella tomba 135 della necropoli di Lovere, scavata nel 2015, tuttavia, non è una semplice firmalampen perché il corpo è sormontato dalla raffigurazione di un elmo gladiatorio, […]

CASAZZA - CAVELLAS

25 Gen 2021

Peso da telaio

I pesi da telaio sono dei manufatti in terracotta o pietra che venivano impiegati per la tessitura dell’ordito nei telai: a seconda delle dimensioni potevano fornire più o meno resistenza nella stesura del filo per la produzione del tessuto. I pesi rinvenuti a Cavellas sono in terracotta e hanno forma troncopiramidale, con un foro circolare nella parte superiore; le notevoli dimensioni (altezza 18,5 cm, larghezza alla base 13,5 cm, diametro del foro 2 cm) di questi esemplari fanno pensare ad […]

25 Gen 2021

Tegame peduncolato

Il tegame detto “peduncolato” appartiene alla tipologia della ceramica cosiddetta “comune”, ovvero quella che veniva utilizzata quotidianamente per la cottura, la preparazione e la conservazione dei cibi e delle sostanze alimentari e per la mensa. Tale tipo di contenitore fu prodotto con continuità dalla fine dell’età repubblicana fino al IV-V secolo d.C.; dal punto di vista morfologico è caratterizzato da una vasca bassa e larga, con orlo ripiegato verso l’esterno e fondo concavo sostenuto da tre o quattro piedini conici, […]

PREDORE - TERME ROMANE

22 Gen 2021

L’impianto di riscaldamento delle terme

Nel II – III secolo d.C. la villa romana individuata a Predore subisce un consistente intervento edilizio, con la creazione dell’impianto termale i cui resti sono attualmente visibili. Le terme sembrano seguire la sequenza canonica prevista per questo tipo di strutture: frigidarium – ambiente dotato di una vasca con acqua fredda, tepidarium – con acqua tiepida, caldarium – con acqua calda; contigua al frigidarium, ma ad una quota inferiore, è stata inoltre scavata parte di una natatio, una piscina di […]

22 Gen 2021

Il laterizio graffito

Uno dei reperti più interessanti tra quelli esposti nell’area archeologica delle Terme romane di Predore è certamente un laterizio graffito (45x35x4,5 cm), originariamente impiegato come lastra di copertura di una canaletta dell’impianto termale della villa. Durante gli scavi condotti nel 2003-2004 ci si accorse che la superficie del mattone rivolta verso l’alto, più liscia rispetto agli altri lati, era ricoperta di incisioni, eseguite prima della cottura del manufatto. La presenza di iscrizioni sui laterizi romani non è infrequente, ma si […]